I miserabili

non si tratta di un romanzo ma dei rappresentanti del Partito delle Libertà tra cui il loro candidato Ciarrapico

ciarrapico.jpg

da REPUBBLICA.IT

Del gruppo editoriale di Ciarrapico, fanno parte testate di Latina, Civitavecchia, Rieti, Viterbo, Roma-Eur, Ostia, Fiumicino, Castelli, Guidonia-Tivoli e Nuovo Molise Oggi. Quest’ultima, lo scorso anno, finì al centro di un’aspra polemica politica: venne accusata (insieme a TVI Teleisernia e al TGR Molise) di condurre una campagna denigratoria contro il presidente della Regione Molise della Casa delle Libertà Michele Iorio e la sua giunta. A novembre 2007 un’associazione culturale di Campobasso ha manifestato davanti la sede locale della redazione di Nuovo Molise oggi per dire basta all’accoppiata del quotidiano di Ciarrapico con Il Giornale della famiglia Berlusconi. 

Ma i problemi per il Ciarrapico editore non sono solo di natura politica. Sempre nel 2007 il nome dell’imprenditore ciociaro è finito sul registro degli indagati per truffa insieme a otto suoi collaboratori e dipendenti (tra i quali due presunti prestanome ottantenni), in relazione ai contributi del Dipartimento per l’editoria di Palazzo Chigi: oltre cinque milioni di euro, ottenuti grazie alla legge che prevede l’erogazione di contributi a quotidiani editi da società la cui maggioranza del capitale sia tenuto da cooperative, fondazioni o enti morali.

Secondo l’accusa Ciarrapico avrebbe fatto figurare che le due società “Editoriale Ciociaria Oggi” e “Nuova Editoriale Oggi”, amministratrici dei giornali da lui controllati avevano gestioni separate. Ma la realtà, per gli inquirenti, sarebbe assolutamente diversa e gli intrecci tra le società evidenti e quindi il doppio contributo non dovuto.

Inoltre gli uomini del Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di finanza, si sono messi anche sulle tracce di una parte della ventina di milioni elargiti dal dipartimento per l’Editoria di Palazzo Chigi per il periodo 2002-2005, che sarebbero andati a finire nella cassaforte di una banca del Lussemburgo.

E per Ciarrapico non mancano neanche problemi con il sindacato dei giornalisti. “L’Associazione Stampa Romana denuncia gli atteggiamenti padronali di stile paleo-industriale di Giuseppe Ciarrapico, i tentativi di governare le sue redazioni e persino i suoi direttori senza tenere in nessun conto le leggi, le regole, le norme del contratto di lavoro dei giornalisti e lo stesso buon senso”, scriveva l’Asr nell’ottobre di due anni fa, dopo le dimissioni di Angelo Perfetti, “a cui dal maggio 2004 l’editore aveva affidato le sue testate”. Una decisione, dice ancora il sindacato, maturata dopo vessazioni e continue e illecite ingerenze nel suo lavoro”, da parte di Giuseppe Ciarrapico. E forse non è un caso se le redazioni del gruppo, interpellate sulla candidatura, rispondano con un secco “No comment”.
Al posto di Berusconi, oltre al circo di animali nella sua lista, candiderei anche quelli della uno bianca, qualche dittatore balcano e africano. A lui e a quelli del suo partito non interessa il nostro paese ma come lo potrà continuare a malversare facendo in tutto e per tutto i suoi personalissimi interessi.

Per chi milita nel PDL e lo vota: siete la vergogna di questo paese. Vergognatevi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: